La rappresentazione del corpo di Maria Stuarda nelle lettere francesi (1548-1647)

 

Busca copertina

 

Abstract

I componimenti encomiastici dedicati a Maria Stuarda durante la sua permanenza presso la corte di Francia (1548-1561), per quanto fondati su forme e motivi spesso convenzionali, hanno contribuito a fissare alcuni tratti della sua persona letteraria destinati a godere di una fortuna duratura. Fra gli elementi che caratterizzano tale produzione poetica si segnala in particolare l’esaltazione della sua bellezza; un tratto, questo, che va a informare sia le numerose opere di carattere documentario e apologetico apparse all’indomani della sua morte, sia le prime traspozioni narrative e teatrali della sua vicenda. Le dinamiche di cristalizzazione delle modalità di rappresentazione del corpo di Maria Stuarda nelle lettere francesi fra Cinquecento e primo Seicento sono al centro delle analisi condotte nel presente studio.

 

Parole chiave

Maria Stuarda, Ronsard, corpo, bellezza, descriptio pulchritudinis

 

 

Abstract

The encomiastic poems dedicated to Mary Stuart during her stay at the French court (1548-1561), although based on often conventional forms and motifs, helped to fix certain traits of her literary persona that were destined to enjoy lasting fortune. Among the elements that characterise this poetic production is the exaltation of her beauty; a trait that informs both the numerous works of a documentary and apologetic nature that appeared in the aftermath of his death, and the first narrative and theatrical transpositions of his story. The dynamics of crystallisation of the modes of representation of Mary Stuart's body in French letters between the sixteenth and early seventeenth centuries are the focus of the analyses conducted in this study.

 

Keywords

Mary Stuart, Ronsard, body, beauty, descriptio pulchritudinis

 

Scaricare/Télécharger PDF

Cerca nel sito